Tag

, ,

Poi a volte capita che perdi un po’ la bussola. O che non hai più voglia di vestire i panni di Don Chisciotte.
La mia cura sono due spruzzate di Chance subito dopo la doccia la mattina: non risolve, ma aiuta.
E quattro Speculoos pucciati nell’earl grey in un momento a piacere del pomeriggio.
Un tuffo in una piscina deserta, e perché sia deserta occorre tuffarsi dopo le 9 il venerdì sera o prima sempre delle 9 il sabato mattina, ché anche il bagnino ti guarda così e si vede che pensa «che non ce l’hai di meglio da fare?».
E poi uscire per una cena di sushi, magari con un vestitino anni ’50 e un paio di tacchi, col plateau discreto. Che invenzione geniale è il plateau discreto?
Otto, nove o anche dieci ore di sonno abbarbicata al Dottorino.
E quando la cosa si fa seria, un pomeriggio all’hammam.
Ecco, penso che nel weekend mi concederò un pomeriggio all’hammam.
Poi basta con le paturnie, si volta pagina, si esce dal letargo.