Tag

, , ,

E poi ci sono le volte che la strada ti chiama e hai solo voglia di andare. Ché è dal lunedì precedente che stai su internet e te la studi.
E hai un obiettivo, ad appena 160 km da Torino.

Lac de Serre Ponçon, lago di Embrun per gli amici. In cinque giorni di count-down al weekend su di lui ne hai lette di ogni, ma quando te lo trovi davanti, ti basta respirare.

Perché un po’ lascia senza fiato vederci tuffare dentro montagne che sembrano Dolomiti. Tutt’intorno gli accenti diversi di un’Europa che qui non avresti immaginato di trovare, di un turismo che non pensavi esistesse.

Ma a stupirti ancor di più è il ritrovare qui tra le montagne i colori della Provenza. Camminare tra scorci nuovi è ricaricare le batterie, scegliere cosa gustare a cena un altro modo di assaporare il bello insieme.

E allora, eccoci davanti a uno dei plus typique des répas francesi. Quoi de mieux che occhi negli occhi sulla terrazza di un silenzioso bistrot?

Metti un sabato sera a Gap: tra le ruelles non incrociamo anima viva. La piccola città è tanto deliziosa quanto irreale.

Il weekend rotola verso la fine, la strada continua. Facciamo ancora il pieno di colori: tappa a Briançon, prima di tornare a casa.
E mentre rioridini le foto, c’est parti: la mente già viaggia verso il prossima gita.

* Noir Desir – Le vent nous portera