Tag

, ,

Ma che fine han fatto i topinambur citati qualche post fa? Beh il mio weekend è iniziato con quelli, per proseguire poi con colpi di sole nei capelli, piastrelle del bagno, pizza al padellino e una buona dose di divano.
Circa 200 grammi dei fantomatici topinambur, dopo essere stati pelati, sono stati tagliati a tocchetti e bolliti. Una volta cotti, li ho frullati insieme a mezzo mestolo della loro acqua di cottura, 1 cucchiaio di latte, 1 pizzico di cannella fino a ottenere una crema né troppo densa né liquida. Parallelamente ho sbriciolato 150 grammi di salsiccia in una pentola capiente e l’ho fatta rosolare insieme a 2 restanti topinambur tagliati a fettine sottilissime, mentre 150 grammi di spaghetti integrali lessavano in acqua calda (non salata obviously). Ho scolato la pasta molto al dente e l’ho rovesciata nella padella con la salsiccia, ho aggiunto un mestolo di acqua di cottura e la crema di topinambur preparata in precedenza e ho lasciato terminare la cottura della pasta in questo modo. Ho poi servito in tavola con una spruzzata di pepe e parmigiano grattato grossolanamente. A innaffiare il tutto, una Menabrea 150° Strong. Manca la documentazione fotografica del piatto, ma credo che questa mancanza possa essere indice della sua bontà.

Spaghetti con topinambur e salsiccia (piatto unico x 2)
– 150 grammi di spaghetti integrali (o perché no, di farro)
– 200 grammi di topinambur
– 150 grammi di salsiccia (privata della pelle e sbriciolata)
– 1 pizzico di cannella, pepe, parmigiano grattugiato, poco latte