Tag

, , ,

Tu, cara Eleonora,
mettiti a memento che /andare, sempre andare/, fin quando gli occhi, che quando viaggi sono piu’ importanti dei piedi, ti si consumeranno. Ci sarà anche un giorno in cui sentirai che stai andando non solo per il Vento dell’Andare, ma anche perchè quel tuo particolare andare, dopo tanto peregrinare, ha un senso. Carico di responsabilità, ma anche di tanta coscienza- che fa sempre la differenza-, e allora ti guardi dietro e puoi sorridere piu’ dal profonda. Vai, Piccola grande Eleonora, vai.

/C’ETAIT

issu stellaire

CE SERAIT
pire

non
davantage ni moins
indifféremmentI mais autant
/[s mallarmé]

(Ilaria La Commare, 23 agosto 2005)

Le parole riportate qui sopra mi sono state scritte in una mail sepolta da tempo. Sono saltate fuori violentemente dall’archivio della posta mentre stavo cercando tutt’altro. Violentemente perché di queste parole, del loro contesto e soprattutto di chi le ha scritte -Ilaria che con le parole ci sapeva giocare così bene- so di non saper(e) parlare. Le riporto qui perché ho bisogno di tenerle vicino, di fermarmi e di poterle rileggerle di tanto in tanto e di farle leggere anche a voi.
Grazie, Commère.